Mamma non lo voglio! bambini e alimentazione

Bambini e alimentazioneIo me lo ricordo sapete?

Mi ricordo di quando ero bambina e facevo impazzire mia mamma perché non volevo mangiare nulla.

Non mi piaceva la verdura, di nessun tipo. Ad eccezione delle melanzane ripiene e della parmigiana. Ma capite che non è che siano piatti che si preparano in un attimo. E di quella che chiamavo lattuga. La cappuccina per intenderci. Che però doveva essere di colore verde chiaro. Le foglie più scure non superavano il mio rigidissimo controllo qualità e venivano inesorabilmente accostate al lato del piatto.

Non mangiavo i formaggi. Tranne la mozzarella, e anche la sottiletta nei toast col prosciutto cotto. In linea di massima perché sostenevo che puzzassero. Ok, della gruviera lo sostengo ancora 😀

Read more

Una poltrona per due e la fine dello svezzamento

Fine dello svezzamento L’Inquilina è una ragazza determinata. A 17 mesi ha detto basta.

Basta al seggiolone. Io voglio stare seduta su una sedia, come voi. Pazienza se al tavolo non ci arrivo. Mi siederò su uno di voi due, Mummy preferibilmente.

Basta a questi pasti preparati per me. C’è qualcosa che non mi torna. Perché io devo mangiare qualcosa di diverso?

E non ve la menate con questa storia della masticazione e del soffocamento, che ho fatto la mia parte e ho già messo i premolari e pure i canini. (Sia mai che la Mummy dorma qualche ora di troppo…)

Quindi da ora in poi mangerò tutto quello che c’è nel piatto della Mummy, ecco. E solo dopo che le ha assaggiato, che vi credete che me non me ne accorgo se mi date la fregatura?

Read more

Cose che odio (e cose che amo) della maternità | parte I

Cose che odio della maternità Mi accodo alla scia degli elenchi di ciò che più si odia, ma anche ciò che più si ama, della maternità dei post di MammaAvvocato, Malanotteno e GinaBarilla, e vi dico la mia. Di me che sono una mamma più giovane (non sulla carta di identità, ma perché ho all’attivo una sola figliola di 13 mesi, che vi assicuro però vale per due… Di sicuro quanto a peso!).

Le cose che odio:
1) Dover andare a lavoro. Lo so, di questi tempi averne è una benedizione. Ma certe mattine proprio detesto dover alzarmi per andare a lavoro (ok, sì, di tanto in tanto capitava anche prima) perché vorrei stare più tempo con lei. È quando mentre giro la chiave e accendo il motore, alle volte si sveglia e parte con la sua vocetta acuta “ma ma ma ma ma ma ma”. È dura. L’è davvero dura.

Read more

Se il boccone non va giù

Flavorillo Nuvita MasticazioneQuando mi fanno domande tipo “Ma la tua quanti denti ha?” rispondo sempre con un po’ di timidezza “8” perché so che seguirà un Oooh di stupore, e poi un Oooh (grrrr) per quella sorta di competizione che si genera tra mamme di bimbi nati nello stesso periodo (il mio ha già i denti, il mio ha già detto mamma, il mio già cammina…).

Prima di arrivare all Oooooh (che cazzara) e dover esibire le prove, ci tengo a precisare che avere una fanciulla che ha quasi più denti che mesi, non è affatto semplice.

Non lo è stato quando le sono spuntati tutti di fila, al ritmo di due al mese.

Read more

La pappa e altri disastri. 5 modi di dar da mangiare a un neonato.

Nuby per la pappaIl seggiolone e Sophie la Giraffa. Un grande classico, anzi due a dir la verità. Seduta sul seggiolone, un boccone alla pappa e un morso a Sophie. L’Inquilina è multitasking e tocca tenerla occupata su più fronti. Però se c’è Sophie almeno si fa più in fretta della solita pappa in 45 minuti. Solo che per far tornare la giraffa al suo splendore, bisognerà farle uno scrub.

Il seggiolone e le mani in pasta. Una seconda variante della pappa classica nel seggiolone, è la pappa con una mano nella ciotola. L’Inquilina conosce l’arte sopraffina del baratto: tu fare mettere me dita nella pappa, io aprire bocca.

Read more