Due cuori una pancia

Quando ho realizzato di essere in attesa, a malapena avevo un ritardo. Mi sembrava di aver messo su qualche chilo ma avevo ripreso ad allenarmi, crollavo in macchina di ritorno dal mare, qualcosa non mi tornava, decisamente. Ho fatto un test di gravidanza che avevo in casa, scaduto e positivo.

No, non sono andata in giro a cercare la farmacia di turno aperta e a comprarne mille mila da fare a ogni ora, che se la concentrazione di beta al mattino è più forte però si sa mai. La seconda gravidanza è così, inevitabilmente si diventa più pragmatici. Il giorno dopo ero già in laboratorio, con un ago nel braccio. Anche se non ricordavo quando avevo avuto l’ultimo ciclo. A mezzogiorno sapevo di essere un filo incinta, che 1450 è un numerone.

Non ci ho fatto troppo caso, anche con la prima le beta erano tanto alte, ho pensato di essere avanti con le settimane. Dopo due giorni le ho ripetute, 13510. Tuttaposto. Io in un frullatore. Ho prenotato la visita dalla ginecologa per andare in pausa pranzo, tanto Amore non ti scoccia se vado sola ve? No, no fai pure, poi mi dici. La seconda gravidanza è così, anche i mariti inevitabilmente diventano più pragmatici.

Read more