Un gatto un topo un elefante… e la multiattività

Giochi in legnoCi sono bambine principesse, e bambine caterpillar.

L’inquilina ecco, appartiene decisamente a questa seconda specie. Emette dei versi che neanche lo scream dei Pantera o dei Lamb of God. Una capacità di tenere l’attenzione minore della durata di una puntata di Masha e Orso. Con uno spiccato interesse per il movimento. (Ah certo, anche per la tetta, ma quella è un’altra storia).

Quest’estate osservavo la mia amica M cantare le canzoncine al suo piccolo N, piccolo di statura, ma due giorni più grande dell’Inquilina. Vedevo N ascoltarla in adorazione e battendo con foga le mani. E ovviamente mi chiedevo dove stessi sbagliando.

Forse colpa delle tante ore trascorse fuori casa per lavoro? Forse una mia incapacità di intrattenerla? Forse colpa dei troppi cambiamenti ambientali nel corso del suo primo anno di vita?

Non saprei, forse solo la sua indole, che abbiamo sempre assecondato.

La parte più difficile, quando si ha di fronte una caterpillar, è l’arrivo del freddo e dei malanni perché mal volentieri trascorrerà le ore in casa.

Da quando ci siamo trasferiti ho cercato di creare un angolo gioco che fosse accogliente, ampio, dove potesse muoversi liberamente. Ho individuato uno spazio in soggiorno, ai piedi del divano, che ho tappezzato con i puzzle in gomma piuma e con dei cuscini colorati.

A questo punto ho cercato delle attività che potessimo fare insieme, la sera prima della nanna o nel fine settimana, qualcosa che potesse catturare la sua attenzione, stimolare le sue capacità di coordinazione, farla divertire. E anche che la distogliesse dalla forte tentazione di prendere i suoi giochi e sbatterli a terra, per buona pace della coppia di anziani del piano di sotto.

È stato così che ho scoperto Badabirba.it con i suoi giochi in legno, ecologici e dipinti con colori acqua. Mi sono affidata a loro per la scelta, perché chi meglio di una mamma e un papà può consigliarti nell’individuare il gioco più adatto all’età e alle capacità del proprio bambino?

1 elefantino multiattività Badabirba Insieme abbiamo pensato all’elefantino multiattività, 5 giochi in uno, per allenare la motricità e la coordinazione: il gioco degli incastri sul pannello superiore, un puzzle rotante e ingranaggi colorati sui lati, una proboscide con formine da spingere sul davanti e un labirinto sul retro.

Se in principio l’Inquilina è stata perplessa alla vista di questa strana specie animale, con il tempo ha iniziato a esplorarla in tutte le sue parti, e ad aprezzarne la varietà.

Al momento le due attività da lei preferite sono i fiorellini della proboscide che si diverte ad accompagnare lungo il percorso e a far ruotare, e il gioco degli incastri. La forma con cui sembra avere maggiore familiarità è il cerchio: dopo un pomeriggio di tentativi è riuscita a riconoscerla e inserirla e ora lo ripete con grande facilità. Anche la stella sembra essere di suo gradimento, sulle altre… Beh, ci stiamo lavorando.

Il gioco degli incastri è uno di quei classici sempre attuali perché sviluppa il riconoscimento dello spazio e mostra il principio di causa-effetto, ovvero la forma che entra nel buco corrispondente.

L’elefantino è stato salvifico proprio lo scorso weekend, quando la gastroenterite ci ha costretto in casa e ce ne siamo state io e lei a giocare sul tappetone, tra una poppata e un’altra ma non solo. Quando ci gioca è così concentrata nel tentativo di riconoscere le forme e metterle nel posto giusto, che posso addirittura permettermi il lusso di distrarmi qualche minuto. E quando la sera rientro da lavoro la trovo tutta intenta con le sue manine ad esplorare, perché se la frustrazione di non riuscire a incastrare una forma la porta a volte ad abbandonare, ecco subito che è impegnata a far roteare l’ingranaggio o il puzzle, prima di tornare a provarci, ancora una volta.

Il valore aggiunto di questo gioco, come degli altri prodotti di Badabirba, credo sia proprio nel legno, che come materiale risulta caldo, solido e naturale. Quello che ho trovato in questa, come nelle altre loro proposte, è che ogni giocattolo è pensato sia per divertire che per educare e sviluppare le capacità e le abilità del bambino.

Se date un’occhiata a Badabirba.it, sono certa che non ne uscirete a mani vuote. Per questo abbiamo pensato a un codice, MUMMYBADABIRBA, che dà diritto a 5 euro di sconto su un acquisto di 50 (la spedizione è gratuita). E poi Badabirba cerca sempre di fare felice mamme e piccini con un piccolo regalo… 😉

Dunque un gatto un topo un elefante, non manca più nessuno? Eh no, l’Inquilina col suo elefantino sarebbe pronta a salire sull’arca.

Previous Image
Next Image

4 thoughts on “Un gatto un topo un elefante… e la multiattività

  • 5 ottobre 2015 at 10:39
    Permalink

    Interessante, anche mia figlia è una caterpillar e mi è difficile trattenerla con giochi perché l’attenzione vacilla dopo i cinque minuti

    Reply
    • 5 ottobre 2015 at 11:47
      Permalink

      Quanti anni ha tua figlia? Ho visto che ci sono diverse soluzioni in base all’età. Io ho notato che si stanca molto più facilmente dei giochi plasticosi (che finiscono fragorosamente in terra nel giro di poco), mentre il legno l’attrae molto di più. L’altra notte mi si è addormentata con le formine in mano… Ma soprattutto credo sia attratta dalla finalità, perché è così tenace che si impegna tantissimo finché non raggiunge lo scopo 😀

      Reply
  • 5 ottobre 2015 at 11:42
    Permalink

    Non sono ancora mamma ma sono due volte zia e devo dire che quando decido di fare un regalo ad uno dei nipotini prediligo questo tipo di giochi…solo ogni tanto mi assale il dubbio che magari non siano apprezzati dai bimbi perchè tutti gli altri regalano loro roba iper-tecnologica ma soprattutto iper-brandizzata (Dio ci salvi da Peppa Pig!) e magari ritrovarsi davanti un gioco di legno con un personaggio carino ma non “conosciuto” possa non fargli piacere. Nonostante il dubbio continuo comunque a comprare questo tipo di giocattoli ahaha 😀

    Reply
    • 5 ottobre 2015 at 11:51
      Permalink

      Anche io li adoro e temevo che non lo avrebbe apprezzato… Invece! E poi ho aspettato un mese per scrivere il post, proprio per vedere se l’interesse continuava una volta passato “l’effetto novità”, e devo dire che ha superato alla grande la prova! Quindi credo proprio che i tuoi nipotini apprezzino 😉

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *