La preparazione del nido

Dicono che arrivi nel secondo trimestre e, nonostante ne sia stata già affetta una volta – ma in modo serio eh – non sono riuscita a sfuggirle. Mettici poi che in questo caso i picciriddi in arrivo sono due, vuoi che non mi metta a riorganizzare la casa?

In cima alla lista delle priorità, non appena fossi stata a casa full time, c’era proprio quella che chiamano la preparazione del nido, con annesse pulizie autunnali. Perché: un colpo al lettone di qua – che dovrò metterci i lettini per tenerli vicini vicini – una rinfrescata alle tende di là – che quando nasceranno chi avrà più il tempo – io, la regina della pigrizia (chi mi segue sa che le pulizie domestiche non sono la mia passione), sto rimettendo a lucido la casa.

Il mio motto – accantonato quello di rosselliana memoria Domani è un altro giornoMinimo Sforzo = Massimo Risultato, dovreste ormai conoscerlo. Per questo, da tre anni a questa parte ormai, mi affido a USE detersivi con i prodotti italianissimi dell’azienda Gallo, testati e garantiti (secondo le norme vigenti che vietano la sperimentazione su animali), ipoallergenici e dalle profumazioni piacevoli ma non invadenti. Le formulazioni di #USEdetersivi , nonostante non siano aggressive per la pelle e per le superfici, sono efficaci per tutti gli usi indicati. Questa volta ho fatto davvero il pieno: Piatti a mano e Lavastoviglie (per un pulito brillante), Tenda bella lava e Tenda bella rigenera (un trattamento dedicato a farle tornare come nuove, oltre che pulite), Forte inox e marmo (ottimo sia in cucina che per i sanitari). Menzione speciale per Pavimenti Opium che ha fatto risplendere, senza ingrassare, il pavimento in grès. In confezioni con pratico dosatore che consente di non sprecare il prodotto.

Read more

Il pulito è servito

Kaercher il pulito è servitoCh’io non sia un’amante delle pulizie domestiche, non ne ho mai fatto un mistero. Non che non mi piaccia la casa linda e pinta, anzi. Alla domanda di bambina qual è il tuo sogno da grande? C’è chi rispondeva di voler diventare ballerina, chi una principessa, chi desiderava già l’abito bianco e tanti bambini. Io rispondevo senza indugio. Avere una donna delle pulizie.

Mi immaginavo a metà tra una Lynette Scavo per la brillante carriera (mica per il numero dei figli eh!) e una Bree Van de Kamp, massimo emblema dell’ordine e della pulizia (Desperate Housewives ndr.).

In effetti sul lavoro non mi è affatto andata male, ma della questione casa parliamone. Che ho collezionato più traslochi io negli ultimi 3 anni che un qualsiasi popolo nomade, neanche seguissi il flusso migratorio stagionale. Con conseguente spargimento di cose nomi e città. Che dopo una giornata full-time e un viaggio in treno, voglia di rassettare saltami addosso.

Read more

La sindrome di Bree Van de Kamp, ovvero pulito è bello

Prodotti per le pulizie ecosostenibiliÈ iniziata più o meno qui, quando dovevo dare nuova vita ai primi quarant’anni della culla in vimini, e trascorrevo le mie mattinate tra la nausea, una puntata di Desperate Housewives e una di Case da incubo. Cercavo di carpire i segreti del pulito di Kim ed Aggie e quelli della meticolosita’ di Bree.

Di Amuchina e Candeggina avevo fatto le mie fedeli compagne. In un momento di delirio da preparazione del nido – quello che prende alle future mamme quando si avvicina il momento del parto – ho addirittura pensato di poter provare il percarborato per fare il bucato.

Read more