Il tetris della nanna

Chi mi segue da tempo ormai dovrebbe aver chiaro che, prima della nascita dell’Inquilina, non solo non avevo la benché minima esperienza di neonati, ma non mi ero neanche documentata a dovere. O meglio, il corso preparto sì, lo avevo seguito e anche con una certa diligenza, che ammetto d’averci un filo la sindrome della prima della classe.

Mi erano erano stati omaggiati i due libri più in voga all’epoca, Il linguaggio segreto dei neonati dell’ormai cara Tracy e What you expect when you’re expecting, meno simile all’omonimo film (di cui consiglio la visione alle mamme in attesa, delizioso!) e più prossimo a un manuale della gravidanza, mese per mese. Ma ecco, non è che mi avessero preparato poi così bene al ciclone Inquilina.

Per fortuna era già tramontata la moda di Fate la nanna. Che Estivill non me ne voglia, ma i suoi metodi poco si sposano con la mamma che ignoravo sarei diventata.

Read more

Il cosleeping e la legge di Murphy

Cosleeping

✔️Nonostante dorma in un letto matrimoniale, un neonato è capace di occupare tre quarti del letto mettendosi di traverso e nell’elegante posizione a quattro di bastoni. A te mamma, ne rimarrà un quarto da dividere col cuscinone. Il marito? Non pervenuto.

✔️Tu mamma che tanto attendi il giorno in cui tuo figlio salterà la poppata delle 3, ricorda che quel giorno in cui continuerà a dormire sarai tu a svegliarti perché ormai non sei più abituata a tante ore di sonno di fila mentre lui continuerà a ronfare alla grande

✔️Sempre il suddetto giorno, sarai così incredula che ancora dorme, da chiederti se effettivamente respira, ti avvicinerai, sempre di più, sempre di più e Taaac! Sveglio. E dirai addio alla tua possibilità di sonno ininterrotto.

Read more

Sul cosleeping e di quando mi credevo l’erede di Tracy Hogg

Cosleeping C’è stato un momento lontano in cui l’Inquilina pare che dormisse nove ore di fila. Dicono.

E in culla per giunta. Dicono.
E che si addormentava da sola e senza la tetta. Dicono.

Ah, no, in realtà ero io a sostenerlo, e se non fosse che ne ho anche scritto qui, forse inizierei a dubitarne.

Decisamente inizierei a dubitare di me stessa e di quell’ultimo neurone di memoria che la gravidanza s’è degnata di lasciarmi.

Read more