La sindrome di Bree Van de Kamp, ovvero pulito è bello

Prodotti per le pulizie ecosostenibiliÈ iniziata più o meno qui, quando dovevo dare nuova vita ai primi quarant’anni della culla in vimini, e trascorrevo le mie mattinate tra la nausea, una puntata di Desperate Housewives e una di Case da incubo. Cercavo di carpire i segreti del pulito di Kim ed Aggie e quelli della meticolosita’ di Bree.

Di Amuchina e Candeggina avevo fatto le mie fedeli compagne. In un momento di delirio da preparazione del nido – quello che prende alle future mamme quando si avvicina il momento del parto – ho addirittura pensato di poter provare il percarborato per fare il bucato.

Poi è arrivata l’Inquilina, e con lei una nuova misura del tempo, quello per fare le cose – che non basta mai, i panni da lavare – sempre di più, i piatti sporchi – che si accumulano nel lavandino… Ma la Bree che era in me aveva ormai preso il sopravvento e ho dunque iniziato a cercare e sperimentare soluzioni per le pulizie domestiche che fossero efficaci, veloci ma non aggressive, tanto sugli oggetti, quanto sulla mia pelle.

È così che ho iniziato a provare i prodotti USE, un’azienda ultra centeneria che, forte della propria tradizione, ha saputo rinnovarsi potenziando la ricerca e lo sviluppo, con un occhio alla sostenibilità e alla sicurezza. In vista del mio imminente rientro a lavoro, ho testato il latte detergente Cuoio&Pelle per dare nuovo smalto alle mie borse, rimaste a lungo nell’armadio, se non addirittura negli scatoloni.

È un prodotto facile da usare: basta versarlo su un panno asciutto, passarlo sulla superficie interessata e l’effetto è subito visibile, si assorbe facilmente e non lascia traccia. Nutre la pelle e ne fa risaltare il colore, anche nelle parti più usurate, e protegge dall’invecchiamento. Ipoallergenico e Nichel tested – come gli altri prodotti – non contiene fosforo e coloranti e, i tensioattivi presenti, sono facilmente biodegradabili. Entusiasta del risultato, e approfittando dei pisolini dell’Inquilina, ho rimesso a nuovo tutta la collezione di borse vintage!

E voi, come vi prendete cura dei vostri accessori e mobili in pelle?

Previous Image
Next Image

One thought on “La sindrome di Bree Van de Kamp, ovvero pulito è bello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *